Siti
Annunci di Lavoro

La Madre e il Gioco del Bambino

Il Gioco del Bambino

Il gioco è per il bambino, oltre che uno svago, un esercizio per allenare la mente e per sviluppare la propria personalità. La madre, assistendo al gioco del piccolo, partecipa allo sviluppo della personalità del figlio scoprendo il suo lato più autoritario oppure quello più fantasioso.

Il bambino ha i propri interessi a seconda dell'età: nei primi mesi di vita, per esempio, il piccolo è più attratto dai colori e dai suoni pertanto il sonaglio si rivela uno dei giochi più graditi dal bambino. Esso è anche semplice da afferrare ed è agganciabile al passeggino e alla culla.

Dopo i primi quattro mesi, il piccolo, avendo imparato a muovere le mani con maggiore abilitò, può destreggiarsi con giocattoli di diversa natura come quelli dall'impugnatura più grande; andando avanti con l'età la madre ha a che fare con la gestione del piccolo che ha voglia di lanciare il più lontano possibile da sè gran parte degli oggetti e dei giochi.

Non si tratta di un capriccio ma di desiderio di scoprire dove andranno a finire. Ecco perchè è bene acquistare loro giocattoli infrangibili ma comunque capaci di farli divertire.

A partire dall'anno e mezzo di vita il bambino ha il vizio di mettere le mani dappertutto creando il disordine tanto odiato dalle madri mentre intorno ai trenta mesi i piccoli comincia a imitare i gesti e le abitudini dei genitori: è questa la vera età della fantasia e dei giochi, quando le femmine si appassionano di bambole e i maschietti delle macchinine.

 

Navigare Facile